WWF OASI

CALENDARIO

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

PROGETTI

Progettazione di aree protette:

L’esperienza come ente gestore si è evoluta anche nell’interesse di pianificare nuove aree protette. La missione di WWF Oasi è infatti quella di esportare il modello WWF anche all’ esterno. La Società ha già progettato e contribuito a realizzare alcune aree protette, diventate poi oasi affiliate e nuove oasi WWF. Tra queste ricordiamo le due Oasi di Vasche di Maccarese e Bosco Foce dell’Arrone nel Lazio,  l’Oasi affiliata di San Felice in Toscana e l’Oasi di Scivu in Sardegna.

Progettazione nelle aree protette:

La gestione di un’area prevede varie attività, che vanno dalla pianificazione (piano di gestione), alla realizzazione di strutture per la fruizione (capanni, percorsi visita), alla realizzazione di materiali didattici (pannelli, supporti audiovisivi). WWF Oasi ha al suo interno professionalità e competenze già impiegate  a livello nazionale e  internazionale.

monitoraggio, sorveglianza, WWF, Oasi

Oltre la gestione ordinaria vi sono alcuni settori di maggior attività tra cui:

  • Conservazione: comprende la pianificazione e l’attuazione. Dalla gestione  ordinaria, alle attività di ricerca, ai progetti specifici. I progetti di conservazione sono il risultato di scelte strategiche e/o di opportunità coerenti con la programmazione. Il primo riferimento è il piano di gestione dell’area. A cui seguono indicazioni anche esterne (progetti WWF o progetti nazionali e internazionali).
  • Ricerca scientifica: è alla base delle attività di gestione e pianificazione nel campo delle aree protette e del territorio. WWF Oasi è impegnato direttamente o aprendo al mondo esterno nelle attività di studio sulla biodiversità applicate alla conservazione. In tal senso ha promosso una serie di accordi e collaborazioni con Università italiane e altri istituti scientifici, promuovendo programmi di studio, stage e tesi di laurea.
  • Fruizione: Subito dopo le azioni di tutela, il maggiore investimento in termini di risorse e mezzi è la fruizione dell’ambiente naturale da parte del pubblico a scopo educativo e ricreativo, sempre nel rispetto dei valori ambientali e dei limiti stessi dell’area. Le visite sono quasi sempre  guidate, regolamentate nel tempo e nello spazio, in sintonia con quanto prevede il piano di gestione. L’apprezzamento del pubblico nei confronti delle attività che si svolgono nelle oasi contribuisce a diffondere il consenso nei riguardi dei vincoli, alcune volte ritenuti estranei alla cultura delle popolazioni locali.
  • Educazione ambientale: ha come obiettivo quello di suscitare, soprattutto nei più giovani, una maggiore attenzione e consapevolezza verso l’ambiente naturale e in particolare nei confronti dei problemi ad esso collegati. Lo scopo  è quello di far insorgere nei fruitori delle oasi dei sentimenti profondi di rispetto verso l’ambiente e le sue componenti. Particolare attenzione è dedicata alle scolaresche, che qui possono svolgere visite guidate, attività pratiche sul campo, nei centri visite o in laboratorio per un’intera giornata o campi scuola/settimane verdi di più giorni nelle aree dotate di strutture ricettive